Lo stage in Slovacchia si chiama praktická stáž oppure od-borná prax ed è previsto all’interno del sistema di istruzione e formazione nell’ambito dei seguenti percorsi:

• nelle scuole secondarie di formazione professionale per preparare diplomati capaci di prestazioni professionali in tutti i settori dell’economia nazionale. Nelle scuole di formazione professionale i piani di studio sono più pratici che teorici; tradizionalmente, oltre il 50% della durata degli studi è dedicato alla pratica;
• presso speciali scuole secondarie (con stage compresi nel piano di studio) dove la preparazione degli studenti prevede esperienze pratiche di formazione professionale, ossia stage da farsi durante l’anno scolastico o durante le vacanze estive. Complessivamente la formazione pratica occupa circa il 30% della durata del corso. Alcune scuole partecipano regolarmente ai programmi d’istruzione dell’Unione Europea inviando studenti per periodi di stage all’estero: gli stage sono riconosciuti come formazione professionale nell’ambito dei corsi di studio;
• nelle università: gli studenti universitari fanno i loro periodi di stage durante le vacanze estive presso organizzazioni scelte in base al corso di studi. La formazione pratica può anche avvenire grazie a programmi europei d’istruzione oppure tramite organizzazioni studentesche internazionali, in base ad accordi transnazionali o a partnership interuniversitarie. I piani di studio a livello più alto richiedono almeno un mese d  formazione pratica.
Di solito lo stáž/prax è basato su un accordo tra l’istituzione scolastica/formativa, il datore di lavoro e il tirocinante. I tirocini curriculari sono pagati fra il 50% e il 100% del salario minimo, pari a circa 330 euro al mese. Al termine degli studi si hanno buone possibilità di trovare un’occupazione, come ad esempio dopo aver partecipato ad un trainee program offerto dalle grandi aziende multinazionali ai neolaureati ed agli studenti dell’ultimo anno dell’università e della scuola superiore.
Per partecipare a questo programma, che prevede la rotazione su più mansioni e un impegno di lavoro part-time, è necessario conoscere bene l’inglese. Lo stesso tipo d aziende offre anche il Management Shadowing Program (per gli studenti interessati, che per una o due settimane diventano ”l’ombra” di un manager, osservandolo da vicino) e il Graduate Trainee Program o Management Trainee Program, destinato a giovani laureati con un minimo di esperienza che aspirano ad una carriera manageriale. È possibile candidarsi direttamente inviando il proprio CV e una lettera di presentazione.
Nelle professioni regolamentate, più orientate alla pratica, come ad esempio per i medici, gli infermieri, i veterinari, i farmacisti, gli avvocati e gli architetti, sono richiesti periodi di tirocinio più lunghi.
 
Riferimenti legislativi/Regolamentazione
Il tirocinio si colloca, dal punto di vista normativo, tanto all’interno del sistema dell’istruzione, con la Legge quadro 29/1984 e la Legge 131/2002 (con speciale riferimento ai centri di formazione professionale e agli istituti professionali la prima, alle università la seconda), quanto all’interno del sistema lavoro, con lo specifico Codice 311/2001, nel caso in cui le work experiences si rivolgano ad adolescenti (15-18 anni) che non sono iscritti ad un particolare corso di studi. In questo caso le work experiences non possono superare le 30 ore settimanali.
Il Codice del lavoro impone anche che lo studente inserito in azienda debba firmare un contratto che stabilisca il tipo di lavoro, il tempo dedicato, la remunerazione e la data di conclusione del contratto.
La normativa sancisce inoltre l’obbligo di una copertura sanitaria. Non esiste tuttavia una legge che faccia specifico riferimento al tirocinio.
 
Promotori
In questo Paese i tirocini sono promossi dai centri di formazione professionale, dalle scuole superiori ad indirizzo tecnico-professionale e dalle università soprattutto di tipo tecnico-scientifico, in accordo con le organizzazioni ospitanti (aziende pubbliche e private, amministrazioni pubbliche, associazioni no profit, ecc.). 
 
Documentazione richiesta
L’accesso della Slovacchia nell’Unione Europea (1° maggio 2004) ha reso esecutivo il Regolamento (CEE) 1408/71 del 14 Giugno 1971, per l’applicazione degli schemi previdenziali sociali ai lavoratori che si trasferiscono nell’ambito della Comunità. È quindi possibile per gli stranieri trovare un’occupazione sul mercato del lavoro slovacco senza restrizioni. Alle persone che lavorano sul territorio slovacco si applica la legislazione locale. C’è solo l’obbligo di registrarsi presso gli uffici di Polizia distrettuale entro tre giorni dall’ingresso nel Paese, per ottenere un permesso di soggiorno valido cinque anni, fornendo i dati sull’alloggio trovato. Tale permesso rende possibile avere automaticamente anche un permesso di lavoro; l‘imprenditore deve informare l’Ufficio del lavoro di avere assunto cittadini dell’UE.
Non ci sono regolamenti specifici per i cittadini UE che soggiornano nella Repubblica Slovacca per un periodo di tirocinio: per lo studente è sufficiente dimostrare che la sua presenza presso un’organizzazione ospitante è motivata dal  suo piano di studi.
 
Rimborso spese e investimento personale
Chi decidesse di recarsi in Slovacchia per fare uno stage deve tener presente che l’eventuale rimborso spese è strettamente dipendente dall’ambito, educativo o lavorativo, all’interno del quale si realizza l’esperienza.
Generalmente per i tirocini svolti all’interno di un programma di politiche attive in favore dei giovani slovacchi è previsto un rimborso spese da parte degli Uffici del lavoro. Gli studenti della scuola superiore abitualmente ricevono un finanziamento, pari al 50-100% del salario minimo in funzione del lavoro reale effettivamente svolto all’interno dell’impresa.
 
Gli studenti universitari e i neolaureati, invece, benché la normativa non preveda alcuna forma di pagamento prevista per legge, possono ricevere direttamente dall’azienda ospitante, soprattutto se si tratta di una multinazionale presente nel Paese, un adeguato rimborso spese.
Coloro che decidono di recarsi in Slovacchia per un tirocinio dovranno stabilire un adeguato budget iniziale anche se, probabilmente, potrà essere inferiore rispetto ad altri Paesi europei; il tenore di vita è infatti più basso di quello italiano e inferiori sono i costi per il vitto, l’alloggio e i trasporti. L’investimento personale richiesto si dovrebbe aggirare intorno ai 300 euro al mese.
 
COSA FARE PER TROVARE UN’AZIENDA
  • La candidatura libera
Chi intende effettuare uno stage in Slovacchia può, in primo luogo, candidarsi per uno dei tirocini promossi dalla Camera di Commercio italo-slovacca (www.camitslovakia.sk) o dalle imprese iscritte. In genere questi tirocini hanno una durata variabile da uno a tre mesi e sono aperti a diplomati e laureati: la Camera pubblica sul proprio sito tutte le notizie sulle opportunità offerte e sui progetti in corso, come ad esempio l’Erasmus per giovani imprenditori, che offre stage di 6 mesi in aziende con sede in Slovacchia
Ci sono poi altre organizzazioni che propongono tirocini:
• la Saia (Slovak Academic Information Agency), l’Agenzia slovacca d’informazione accademica (www.saia.sk) è un’organizzazione no-profit che opera su contratto del Ministero dell’Istruzione della Repubblica slovacca. L’Agenzia offre servizi d’informazione e consulenza sulla mobilità accademica per chi cerca esperienze di studio all’estero, organizza concorsi per borse di studio con permanenza all’estero e coordina l’accoglienza degli studenti stranieri che entrano nel Paese per soggiorni di studio e ricerca, con borse di studio del Ministero slovacco dell’Istruzione;
• il Consiglio della gioventù slovacca (www.mladez.sk) è un’associazione di cittadini e un’organizzazione volontaria cooperante con il Ministero dell’Istruzione. Associata ad altre istituzioni per i bambini e i giovani, è riconosciuta come referente da organizzazioni che promuovono varie iniziative per la gioventù. Oltre alle attività nazionali, cura la cooperazione internazionale, rappresentando gli interessi dei suoi membri nelle relazioni con i partner, per sostenere e sviluppare la dimensione internazionale del lavoro giovanile;
• l’Inex Slovacchia (www.inex.sk) è un’organizzazione no-profit, costituita nel 1993, per dare a giovani di diversi Paesi l’opportunità di vivere e lavorare insieme, facilitare la crescita personale e l’autosufficienza.
Alla fine della pagina web in lingua slovacca www.eurocampus.sk/joomla/index.php/kariera/18-kariera/392-programy-pre-studentov-spokojnost-na-obidvoch-stranach è possibile trovare un elenco delle numerose strutture che offrono un trainee program: non solo compagnie multinazionali con sede nel Paese, ma anche grandi aziende slovacche, amministrazioni pubbliche e organizzazioni internazionali. Un altro sito, infine, che offre opportunità sia di stage che di lavoro è www.profesia.sk.
 
  • La candidatura attraverso un Progetto europeo o un’Associazione internazionale
Nel 2011, 48 giovani italiani hanno fatto uno stage in Slovacchia, 40 con il Programma Leonardo da Vinci ed 8 con Erasmus Placement. In Slovacchia sono inoltre presenti numerose Associazioni studentesche internazionali che assistono gli studenti stranieri durante il loro
stage, ottenuto tramite la corrispondente filiale nel Paese di origine. 
 
I SETTORI PIÙ DINAMICI
INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA, MECCANICA, METALMECCANICA E METALLURGICA ■ APPARATI ELETTRICI ED ELETTRONICI ■ PRODOTTI OTTICI ED ELETTROMECCANICI ■ SETTORE TESSILE E CALZATURIERO ■ LEGNO ■ CARTA

Contatti:

Ministero dell’Istruzione, della scienza, della ricerca e dello sport della Repubblica slovacca (Ministerstvo školstva, vedy, výskumu a športu Slovenskej republiky)
Stromová, 1 – SK-81330 Bratislava
tel. 004210259374111
info@minedu.sk – www.minedu.sk

 
Ministero dell’Interno della Repubblica slovacca (Ministerstvo vnútra Slovenskej republiky)
Pribinova, 2 – SK-81272 Bratislava
tokmv@minv.sk – www.minv.sk
 
Ministero degli Affari esteri della Repubblica slovacca (Ministerstvo zahranicných vecí Slovenskej republiky)
Hlboká Cesta, 2 – SK-83336 Bratislava
 
Direzione generale del Lavoro, gli affari sociali e la famiglia (Generálne riaditelstvo Ústredie práce, sociálnych vecí a rodiny)
Špitálska, 4 – SK-816 43 Bratislava
 
Camera di Commercio italo-slovacca (Taliansko-Slovenská obchodná komora) 
Michalská, 7 – SK-81101 Bratislava
 
 
ALCUNE AZIENDE ITALIANE PRESENTI SUL TERRITORIO
■ Caffè Bonomi (www.caffebonomi.com – vendita caffè) 
■ Chemosvit Fibrochem (www.prolen.sk – produzione tessuti) 
■ Enel – Slovenské elektrárne (www.seas.sk – produzione energia) 
■ Fiat SR (www.fiat.sk – vendita automobili) 
■ Magneti Marelli Slovakia sro – (www.magnetimarelli.com – produzione sistemi elettronici e powertrain) 
■ Meccanica (www.meccanica.sk – elementi meccanici per macchine tessili) 
■ Medea Broker s.r.o (www.medeabroker.com – lavorazione legno per l’edilizia: pavimenti speciali da esterni e parquet) ■ Medical Glass – Stevanato Group (www.stevanatogroup.com – imballaggio per l´industria farmaceutica) 
■ Mevis (www.mevis.com/mevisslovakia_ita.php – produzione molle, occhiali, lenti a contatto) 
■ Prysmian Kablo (www.pirelli.com – produzione cavi) 
■ Scame-SK (www.scame.sk – componenti e sistemi dell’installazione elettrica) 
■ Tania (www.tania.sk – produzione dolci, surgelati)
■ Unicredit Bank (www.unibanka.sk – credito) 
■ Zeis Slovakia (www.zeisslovakia.sk – produzione calzature).
 
Per un elenco più completo delle aziende italiane presenti in Slovacchia, si possono consultare le seguenti pagine web:
 
Nota
Tratto dal Manuale dello Stage in Europa a cura dell’Isfol 

Siti di riferimento:
Manuale dello Stage in Europa
Scadenza: 31/12/2013
× How can I help you?