La Spagna continentale è dominata da altipiani e catene montuose quali i Pirenei e la Sierra Nevada. È qui che nascono molti dei fiumi principali, tra cui l’Ebro, il Duero, il Tago e il Guadalquivir. Le isole Baleari sono situate nel Mediterraneo, mentre le isole Canarie si trovano di fronte alle coste africane.
La Spagna è una monarchia costituzionale, in cui il re succede per titolo ereditario. Il paese ha un Parlamento bicamerale: le cosiddette Cortes. La costituzione del 1978 sottolinea l’importanza della diversità linguistica e culturale in una Spagna unita. Il paese è costituito da 17 comunità autonome (regioni) aventi ciascuna le proprie autorità elette direttamente. In Catalogna, nelle province basche e in Galizia, le lingue regionali sono considerate lingue ufficiali accanto allo spagnolo (o castigliano), la lingua nazionale.
I principali settori economici della Spagna sono quello terziario e manifatturiero e l’agricoltura (in particolare la produzione di frutta, ortaggi, olio d’oliva e vino). Anche il turismo è un settore molto redditizio.


Anno di adesione all’UE 1986
Sistema politico monarchia costituzionale
Capitale  Madrid
Superficie 504 782 km²
Popolazione 45,8 milioni
Valuta euro
Lingua spagnolo

Cultura
La Spagna vanta un ricco patrimonio artistico: da Velázquez (XVII secolo) a Goya (XVIII e XIX secolo), fino a Picasso, Dalí e Miró (XX secolo). Il flamenco, musica e danza spagnola, è apprezzato in tutto il mondo, mentre il Don Chisciotte di Cervantes è una pietra miliare della moderna letteratura europea. I registi spagnoli, tra cui Pedro Almodóvar, Alejandro Amenábar e Luis Buñuel, hanno ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali.

Gastronomia
Tra le specialità tipiche della cucina spagnola si segnalano: la paella (preparata con riso, pollo, frutti di mare e verdure), la tortilla (frittata di patate) e la sangria (bevanda rinfrescante a base di vino e frutta).

Politiche giovanili
In Spagna l’Autorità competente per le politiche giovanili è il Ministero per la Sanità, le Politiche Sociali e le Pari Opportunità.

Imparare la lingua
La Spagna fa parte di quei Paesi in cui è possibile utilizzare una borsa EILC (ex ILPC), ovvero una borsa aggiuntiva promossa dalla Commissione Europea per favorire la mobilità Erasmus verso quei Paesi in cui si parla una lingua europea meno conosciuta ed insegnata. I corsi intensivi di preparazione linguistica e culturale hanno luogo prima dell’inizio del periodo Erasmus, hanno una durata che varia fra le tre e le otto settimane e si svolgono in due sessioni, una estiva ed una invernale. Informazioni più dettagliate sono reperibili negli uffici Erasmus delle università. 
Per avere ulteriori informazioni su diversi modi di imparare lo spagnolo in Spagna, visitare il seguente link: http://www.spain.info/it/conoce/en-espaniol/.

Assitenza sanitaria
I cittadini italiani che si recano temporaneamente (per studio, turismo, affari o lavoro) nel Paese (Stato membro dell’Unione Europea) possono ricevere le cure mediche necessarie previste dall’assistenza sanitaria pubblica locale se dispongono della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), detta Tessera Sanitaria.

Numeri emergenza Spagna
Numero di emergenza generale: 112.

Documentazione necessaria per l’ingresso nel Paese
E’ necessario viaggiare con uno dei due documenti in corso di validità, passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio. Il Paese fa parte dell’UE ed aderisce all’accordo di Schengen.

Mappa della Spagna

Contatti:

Ambasciata d’Italia a Madrid
Calle Lagasca, 98
28006 Madrid
Spagna
Tel.: +34 91 4233300
Fax: +34 91 5757776 (per referendum e/o questioni consolari il n. fax e’ +34 91 5546669)
E-mail:  archivio.ambmadrid@esteri.it
 http://www.ambmadrid.esteri.it/Ambasciata_Madrid

Scadenza: 31/12/2014
× How can I help you?